HO CREDUTO ESSERE A ROMA...

basta il titolo

ogni parola
così posata
da Melania Mazzucco
mi vedo
costretto nascondermi
dietro qualcosa
che non so...

buio
grigio
strappato
pesante
anche se provo
dire pensare

COMPRO ORO..

nulla vendo
anzi..

da poco
nel letto
-divano-
dov'ero
ho sentito la testa volare
qualcuno qualcosa
da dietro
ove posano le cervicali
stringeva
allentava
come fosse casco

strano..

MANCA LA PENNA ROSSA..

alla GRUBER
caratteriale
sempre bravissima
mai da perdere
per imparare..

aveva una biro
stonata da casa sua
qualcosa simbolicamente
mancava quella sera..

...quando passò di qui

HO CERCATO..

quel libro
donatomi..

con dedica rispettosa
di quel ragazzo napoletano
tempo fa

mai avevo letto
prima
di parapsicologia
infanzia mentale
assurdi cruciali aspetti..

LA NEBBIA STAMANE..

fascia..

copre ferite
nascoste
appena segnate
....

violenza
confusione
volgarità

dapprima
non odo
vedo

adesso
qui
arriva
torce chissà cosa
dentro

medico sbagliato

QUELLA SIGNORA IN PIAZZA..

con la collana bianca
girocollo
ferma davanti
a Mazzini in bronzo
assalito
dai soliti piccioni

sembrava
"quella signora"
aver problemi
essersi perduta
un
aiuto..

C'E' IN CIELO...

per aria
questo "coso"
mentalmente disturba
fisicamente poi
la vita nasconde
ciò che forse di buono
noi
potremmo essere..

arroganza
ruberie
bugie
negazione
di ogni speranza...

FERMENTI-

lattici

una volta
si facevano per tradizione
arte ereditata
da nonni
e bravi vicini

prodotti
da latte di mucca
versati in tazze
sul davanzale

i funghi
tenevano il nostro apparato

VERGINE e MARI

io conoscevo il figlio

lessi un suo libro
rimasi stupito
scosso
entusiasta..

Enzo e Lea
si amavano
folli e chiassosi
nel loro andare
venire
videro e dissero
mille disegni

BARBARISMI E PEGGIO..

sempre a proposito di
lockdown
qualcuno reagisce convince:

Andrea Marcolongo dapprima
ed ora Augias dicono quanto a scuola insegnavano i nostri colti insegnanti..

DUE BIMBI CHE...

conoscono l'italiano
sanno parlare come la madre
"ricercatrice senese"
belli davvero
con aria toscana indosso

amano libri e giochi moderni
a loro confacenti....

Emanuele ed Alessandro

LAVORO-FATICA....

si parla di lavoro
carenza magari
retribuzione equa
pure..

col tempo
il "telelavoro"
nuovo sistema per...

mi fermo
penso
indietro o avanti
trovo qualcosa
che non mi convince..

PORTONE BUIO..

finito di giocare
più volte
mamma mi gridò

decisi allora
"lazzarone"
tornare su...

c'era poca strada da fare
ma quel portone
sempre buio
mi fermava...

chiamavo più volte

C'ERA DAVVERO FRANCHETTI..

l'estate bella
sciupona pure
accolse indifferente
la sorella di Afdera
famosa ed oltre
tra noi
zotici e vili
paesani..

dai vecchi cadenti capanni
in legno
sentivo grida
risate larghe

VORREI PASSASSE IN FRETTA ...

il tempo
così com'è

questo

buttato tra pensieri
scartati e malinconie stonate...

c'è un sole improvviso
quasi riflesso di neve

punge negli occhi
da chiudere gli " scuri "

IN FILA INDIANA...

confusamente sparsi
allegri
senza perchè
questi ragazzi
nuovi
forse di leva
visto che qui c'è pure
una caserma O.C.
mai visti in giro
fanno spettacolo
sfidano
ogni peggior intruso..

ARIA DI PARIGI..

volano confuse
leggere
affogano
in terra malmessa

qui
in Piazzale Mazzini
è arrivata " aria siberiana"
corre coperta la gente
per pararsi da tutto..

improvvisamente
cade dall'alto

STAMANE..

è stata una notte strana
stupida pesante
fatta in malo modo

"di profilo"

tutta bagnata
nel gelo
oltre quel vetro
con la mosca morta
appiccicata..

non potevo dormire
certo

ED IO AVRO' CURA DI TE...

il pastore
de la PESTE..

"Camus"

predica sulla "epidemia"
il male ci rende responsabili
con gli altri..

si deve rimanere
rispondere all'appello
del caduto..

niente preghiere

90 PAGINETTE..

senza data alcuna

era la Biblioteca Universale della Sonzogno-Milano...

cento
ed oltre anni or sono :

"Saggio sul Libero Arbitrio"

costava lire 1,20 il volume
al popolo
gente

SEGRETO STUPORE..

la nostra bella..

"Elena"

prima

stamane
ha calato
la mascherina

meschino io
mi son fermato
l'ho guardata
e lei
come non ci fossi
si soffiava il naso

rapida
la bocca tutta

QUEL RAGAZZO..

alto e mascherato
mi saluta
chiama per nome
sorride
da sotto il "bavaglio"

io non ricordo
fatico intuire
la voce :

si

di prima mattina
quando nessuno girava
lui
dietro il bancone

DILEMMI MORALI..

dice MARZANO

ci sono
corro
dentro casco
senza fiato
partecipo..

la mia "musa" di sempre
seppur lontana
odo quasi accanto
vedo
ricordo
la sue tennis

ogni sua prova subita
..

MARLENE KUNTZ...

eppoi via
col vento immaginato
l'aria soffiata
la "bora" insanguinata
che Trieste più non volle..

seduto per terra
col culo ghiacciato
trangugio pizza
rubata al mendicante

IO SO...

sento
avverto con stupore
amarezza tutta

quello che dico
scrivo
qui poso
non soddisfa
infastidisce
magari..

anime pure
sole
in cerca di pace
amore
inespressi sentimenti
...

PANE PER SIGNORI..

questo NEGOZIO
proprio qui vicino
ad angolo
del Piazzale vuoto
ha due vetrine
quasi tre

espone"pane"
dai nomi che non so
forme varie
nuovi colori
forse dal prezzo alto..

SASSI MUTI..

ho tentato
cercato udire
voce di Gabriella
od anche di sorella

come una volta
in buio
esse rispondevano

forse son tornate giù
sparite negate qui

solo mesto
ricordo
resta

LES AVEUGLES...

contemple-les
mon ame
ils sont
vaguement ridiculues..

appena
vagamente rammento

pagina vecchia
usurata
così

in testa sento
immagino
non vedo..:-

PADOVA 12 OTTOBRE 2020

MI PARE....

suoni il telefono
per me

qualcuno chiama
chissà chi è...

immagino

ma non so
non riesco a dire
parole
che vorrei
mie
serene
quasi

copro la testa
per non sentire
rispondere

DENTRO LA BORSA..

in fretta di corsa
ho visto

creduto leggere

poesia
anonima

una farfalla
quella di BALLA
in testa
al bianco foglio

se vedessi
capissi
udissi :

farei la spia
ma non so

Syndicate content