Blogs

C'E' GENTE DISPERSA..

nei campi allagati
poveri
stracciati contadini
figli bastardi
senza futuro
nomi di cose magari
portano indosso
come cognome..

sembrano tutti uguali
in foto antiche
piegate
in poco rotte

C'ERA UNA VOLTA..

immagine straziante
stupenda
lassù
dove :

" I NAVIGLI "

ragazzo
cercavo lavoro
dal mio paese a Milano
nebbia feroce
mai vista
sentivo
parlare straniero
da loro..

PRIMA DI LA'..

....
qualcuno
..
e so chi è
..

parlava
invocava
rimpiangeva
"IL COMUNISMO"

è stato
mentre ascoltavo
a dirmi
ripetere
quello
tutto ciò
che non c'è più..

adesso invece

SOGNO DESIDERATO..

detto pianissimo :

sul foglio
nascosto
nel Don Chisciotte
in alto a sinistra
si lì
proprio
a pagina ..

questo non so
ricordo
ma c'è
di certo ancora
dentro una busta

ERA TEMPO

giorni magari
...

giù al TENNIS
vicino
al PONTE ROSSO

dopo la guerra
due o tre ragazzi :

progetti-programmi
futuro
da film

pane e voglia pazza
di fuggire
scappare
per dove..

POLSINI

lisi
come non mai
dalla manica rossa
del gilet
disordinati fili
...
la mia camicia
sorride
e
poi tace

prova cadenza

povertà
improvvisa
sempre ignorata
prima.:-

SOLITA NEBBIA

copre
ogni roba
tutto bagna
senza segnare

assorbe
capienza infinita
malinconia pesante
..

c'era una guglia
una volta
qui

immagino

adesso non so

pesa
seppur nel cielo

DICO PAROLE

nuove

per te

colori
pensieri
emozioni
bugie
favole antiche
tramonti
villaggi
guerre ed abbracci

"la guerra di troia"

mi sveglio
dall'incubo
padrone

tendo la mano destra

D O V E

nasconderò
di me
ciò che resta

cambiato il vestito
passato dal barbiere
prima

tutto coperto
anche d'estate

a Capo Nord
dentro la sala
col cine

un bicchiere di gin

"V O L T O"

mio

credo sia

piegato a parte

non riconosco
almeno

eppure
sotto e dietro
il documento
dice di me:-

Padova 2 novembre 2020
(allora..?..)

BUON GIORNO...BUON GIORNO...

grazie

quest'aria
ciò che gira vicino
e
lontano
la gente

"gli altri"

ha paura..

svaniscono chiusi
in casa
serrati i balconi..

strade vuote
non solo di sera
ricordano

" LA SVOLTA "

gente normale
forse

loro

le donne
carine

magari stressate

vasto ambiente
nascosta violenza
intesa..

ho trattenuto
a pezzi
come
non accadeva da sempre
il respiro

ASPETTO IL CAFFE'..

allunga la mano
il braccio
mostra
quell'orologio
grande
da marinaio
uomo..

bracciali
ornano appunto
ciò che la signora del bar
espone :

"son alta
ho posto da vetrina

CIELO PESANTE..

grigio
incolore

non dice
sussurra
ispira
sentimenti
più o meno autunnali

è arrivato
secondo previsioni del tempo
lette ieri per tv..

eppure
ha "l'aria" vigliacca
traditrice

BIANI..stavolta..

(repubblica di oggi)

in piazza
coi ferri del mestiere
il medico-infermiere
tutto bardato..

non ha pistola
oggetto contundente

i suoi "arnesi"
che sempre l'aiutano

ANCHE LA DUSE..

in terra
sotto scolpita pietra

senza emozione
qualche strano pensiero
invece..

ASOLO

"ospita"
tombe di bimbi
con sopra
giochini arrugginiti
dal tempo

dimenticanze...

IMMAGINE..

si può essere
stupende a vent'anni
affascinanti a quaranta
irresistibili
per tutto il resto
della vita

nulla sai
di me
manco mi vedi
girare
guardarti con occhiali
da sole

nascosto

UNA SIGNORA VENUTA...

da lontano
di nero vestita

"come quelle del cinema"
legge...

apre faldoni

scrive
cerca
trova

nessun rumore
attorno..

mai vista prima
ed io curioso
ed oltre
mi offro

CANCELLO CHIUSO..

eppure
avevo schiavato

sapevo
che questa
è l'ora in cui
arrivano i primi
nottambuli
ricercatori..

stagisti del nostro

LUCCINI...

qualche condomino
per paura di fantasmi

SONO INCA...

va bene
va bene

"mascherine-distacco minimo-mani pulite-ma poi
ma poi davvero..

c'è che se ho voglia di bermi il caffè
qui a pochi metri da dove lavoro
allora debbo adeguarmi pure a...

ALLORA PERCHE'...

ascolto
penso a quanto

DIEGO FUSARO

dice sostiene

mi affascina il tutto
detto e pensato..

forse
perchè non è legato
a correnti
finanze
potenti
non accetta compromessi

SALUTO CON GLI OCCHI..

al piccolo bar
di prima mattina
consegna il giornale
scappa di corsa..

non dice parole
MAURIZIO..
salta in bici
nel buio
svanisce
in Via Pellegrino..

l'editto paterno
del premier

CALMA...

nessuno
c'è
luce pulita
illumina stanza
solo...

sul calendario
segni
appena scorgo
..
cose..

penne
matite
fogli
appunti
altro..

solo compare
di carta
un cubo

SCOPERTA..

ora c'è
Bruno Canino

suona

quasi cade sulla tastiera
"patetica forse chiaro di luna"

..

sapevo
da sempre
la sua bravura
temevo conoscere
l'età..

appena in alto
oltre un vetro

PATTI CHIARI...

so
desidero condivisione
mai
ripeto
mai pietà
per i miei dolori

quelli sono miei
e basta

Vi prego
non compiangetemi
mi urta
offende
io sono questo
Vi amo
sempre vorrò bene

HO CREDUTO ESSERE A ROMA...

basta il titolo

ogni parola
così posata
da Melania Mazzucco
mi vedo
costretto nascondermi
dietro qualcosa
che non so...

buio
grigio
strappato
pesante
anche se provo
dire pensare

COMPRO ORO..

nulla vendo
anzi..

da poco
nel letto
-divano-
dov'ero
ho sentito la testa volare
qualcuno qualcosa
da dietro
ove posano le cervicali
stringeva
allentava
come fosse casco

strano..

MANCA LA PENNA ROSSA..

alla GRUBER
caratteriale
sempre bravissima
mai da perdere
per imparare..

aveva una biro
stonata da casa sua
qualcosa simbolicamente
mancava quella sera..

...quando passò di qui

HO CERCATO..

quel libro
donatomi..

con dedica rispettosa
di quel ragazzo napoletano
tempo fa

mai avevo letto
prima
di parapsicologia
infanzia mentale
assurdi cruciali aspetti..

LA NEBBIA STAMANE..

fascia..

copre ferite
nascoste
appena segnate
....

violenza
confusione
volgarità

dapprima
non odo
vedo

adesso
qui
arriva
torce chissà cosa
dentro

medico sbagliato

Syndicate content