Blogs

DISCORSO DEL RE...

senza troppo leggere
distrattamente pensando
magari

ho visto
ascoltato :

"il discorso del re norvegese"

ogni commento
dei nostri traduttori
tralascio
..
sommatorie

ho sentito

ALL'OMBRA - D'IVREA...

notte
fonda

dorme
chi non esiste
...

OLIVETTI

è quasi Natale
in treno

da solo
è crollato

le Sue idee
intelligenza
cultura
stampata...

nascondo
ogni mio dubbio

INNO ALLA GIOIA

dirigeva :

CLAUDIO ABBADO

solo piangere
morire
per emozione...

impossibile immaginare oltre

non ho retto...-.

Padova 26 febbraio 2019
(per TV...all'ora..)

STANCA VOCE..

a Radio Cooperativa
stanotte :

deluso

spiegava
a basso tono
illusioni perdute..

ha delegato
chicchessia

lui
no

adesso basta

ha troppo visto

sentito

atteso

giovani

PICCOLO CINE....

storia
di Cesare e Cleopatra

imparata
all'Arena Excelsior

vicino S.Martino

nello slargo
fatto dalle bombe

due mura
alte
improvvisate
vietavano sapere
vedere
favole
vere:

C'ERA UNA VOLTA...

un sogno
pareva

andare
arrivare
a Vladivostok

fermarmi
osservare
qanto restava
alle mie spalle

contare l'ore
i giorni
sentire freddo
e non morirci
sopra

magari sotto

eppoi

DOMENICA ALL'ELISEO...

mani
impasticciate

dai due gelati
"cornetti Algida"
tenuti stretti
tanto
da sciogliersi

uno per me
l'altro
per Rita Moretti
..

lei credo guardasse
ascoltasse :

M A R E L L A..

due volte

col fiato sospeso

stupito
ed oltre

ho letto
aspirato
quanto detto
mostrato
sulla stampa
ieri..

intuivo
sentivo
non così tanto
però

"MARELLA"

ORDINE...

dentro il cestino verde
contenitore
appunti
ricordi

altro

ed altro pure...

ho trovato
due segnalibri

"Concetto Marchesi

Togliatti Palmiro"

da vecchi cari libri
son caduti

REQUIEM PER UNA MONACA

Fantasmi del passato:

il passato non è morto

non è nemmeno passato

prima di spirare

disse quasi

ma lo sparo

prima arrivò.-

D'ESTATE AL MARE LAGGIU'..

Grazia
ancora insegnava
non ricordo il contesto

solo:

in classe
ho un ragazzo "macedone"

uno
solo uno

mi ha insegnato
che
da loro

non esiste la parola
Mamma

e questo

MONTE DI RIVISTE SOPRA IL TAVOLO...

se non ci provo
io

queste stupende Riviste
sempre allegate
a quotidiani

GIOVANNI

sempre leggeva
come nessun altro
poi

"sapeva
diceva"

vero è che BIANCA
generosamente

PUGNI E CAZZOTTI..

per strada
mentre tornavo
lunga fila
improvvisa
si para davanti...

due macchine

varie genti
urlano
quasi come al cinema

si picchiano

gestacci
in faccia
l'un verso altro

MUSICA FRANCESE...PER BEATRICE...

ancora prima
poco fa

BEATRICE

arriva
sorride:

sai
dario
la musica
che più mi piace
è francese
ma io non so
nemmeno posso
dirti
titoli
...
suono sul mio piano

C E L E S T I A L...

ho ricordato
visto magari :

ora c'è
la PENSIONE ELEONORA

all'aperto
specie di giardino

finita la guerra

tutti ballavano

soldati
e borghesi

trombe
tamburi
stridenti note

VAGO NERVOSAMENTE...

sempre urto
nelle parola :

EMPATIA

controllo

dubito
perennemente
tento convincermi

risulta
gran confusione mentale

penso
alla
"filosofa"
che tempo addietro
m'inculcò

ARRIVA IL GIORNO

venti febbraio
per radio 2 RAI

"i lunatici"
da questa notte
sempre

ridono

affermano
che
in cielo
lassù
appare la luna

grande tonda
come non mai

invitano a fotografare

PESSIMO ANNO

dopo CALABRESI
da la REPUBBLICA

subito BROGI
da questa vita

"La Strategia del Ragno"

fatti e misfatti
del mio Paese

si fuma a volontà
i cellulari stanno perdendo

ricordi

PADOVA CULTURA EBRAICA...

tempo passato

un amico frequentatore
del nostro Centro
mi disse
un giorno :

sai
qui
in Via Pellegrino
ci sono
vari
antichi cimiteri
di personalità ebraiche
..

disquisì
ancora

NEVROSI-ANALISI-...

Giuliana de Sio..

porta capelli rossi
indossa problemi
infiniti
come forse
io
pure
so..

rivolge
lo sguardo
altrove

chiede
senza dire

con gli occhi

dona tutto
di se

I DISCHI

quelli
che sempre mi son portato dietro

ovunque

da Torino
a Pescara

sempre
ho trovato
persone
amici
gente speciale

amanti di musica

note

seppure
a volte spostate

L'ALBATRO

spesso,per divertirsi,le ciurme
catturano degli albatri,grandi
uccelli marini,

che seguono,compagni di viaggio
pigri,

il veliero che scivola sugli amari abissi.

DI DOMENICA....

appena vestito
di fretta
data l'ora
tutto coperto
per non vedere

riconoscere

saluta
una ragazza
dalle caviglie strette..

l'avevo vista
non riconosciuta
però..

anzi:

Cristina

PER PURA INGRATITUDINE...

"non lo farò
mai più.."

schizzato in fretta e furia
da Oreste del Buono
in retro copertina

del suo libro regalatomi

in C.so Monforte
a Milano..

non c'entra
con ciò che ieri

DAVANTI AL MALDURA

quella ragazza alta
tutta di nero vestita
stivali
breve giacca
sino alle ginocchia
calze strette

sorriso
da girare i passanti
insiste

saluto
inebriante

mi chiama per nome
ed io

UN GIRADISCHI SOLO E....

musica
note
nuove
per me

l'Amico
appena detto
segnala
quanto sopra..

corro
quasi ladro
cerco
trovo

taccio
per imparare

oltre

grazie Giorgio

allora.-.

PERDONO ...?..

non fu perdono

il saluto di PERTINI
sulla tomba di TITO
..

baciò
da laico
la pietra

comprese

disse parole
a noi sconosciute

il nostro
PRESIDENTE

il più amato

HO VISTO...

udito

DONNA

celeste

quando parla
vago
volo
pure se fermo

DACIA

incanta
in ogni riga

scrive
nell'aria

sempre

LA

guardo

miro...

distrattamente
sparisco

E MENTRE LEI SPARIVA....

a Pordenone
chiuso in macchina
dopo il lavoro
udii per radio
lenta atroce agonia..

ANNA

portata via
rese allora
la nostra vita
bugiarda
egoista
sporca
in ogni angolo

forse
Elena

LA MAMMA DI BEATRICE...

il nome suo non so

mi ha detto giorni
or sono
di Beatrice

suona il piano
musica
italiana...

appena preso il caffè
ed anche prima
sempre qualcosa mormora :

sua figlia
precoce..

Syndicate content