Blogs

SHARON STONE...

SITO
LUOGO
POSTO :

nessuno ha coraggio
onestà
guardare
vedere
pensare

solitudine
gridata
invocata

troppo intelligente
bella
oltre la "morte"
e
prima...

allora
allora

COI-LUNATICI..

per RADIORAI
alle 2 e tre quarti
precise
c'erano due Fabrizio
da Padova

hanno tenuto
breve importante
colloquio

ho sperato
che
uno dei due
fosse mio figlio...

UNA VOCE...

nebbia

ieri
ed anche prima
ha salutato
senza dir nome..

non ho visto

immagino sia
qualcuno
che pratica
di qui
magari
sa chi sono
....
voce femminile

seppur truccata

APPELLO....

qualcuno manca
agli angoli
dietro
cartoni
più vedo
anime perse

l'allarme di Verona
mi ha scosso
dal letargo

si muore
così
come fosse normale
freddo
gelo in città

cartoni marci

CONFIDENZA ...e stupore...

YAMILET

senza girarsi
mi dice
ciao

taglia panini
inserisce
qualcosa
tra fette
e viceversa

si gira piano piano

poi:

sai
sto leggendoti
e debbo dirti che

INTERNET ...il PAPA.. pure...

scrivere a mano
con penna o biro
pensare
di conseguenza
adagio
onestamente

"liberi magari
come una volta"

comunicare
rapidi
computer
ogni aggeggio tecnico
.......

Notturni

ESATTA DATA...

credevo

anzi
certo
che fossi
a Pescara
di fianco allo stadio

di pomeriggio
assieme
o solo

questo
mi sfugge

qualcuno
...la radio
forse :

"CAMUS
morto per incidente

TRA POCO ARRIVA...

la gran mangiata

sui tavoli
da Suor LIA
morti di fame

gente
supponente
veri pretini

volontari
senza potere
danno
ciò che nulla posseggono

offerte
in nome

LA SERA...

quando
sono piu' solo

col buio
senza pioggia
o vento
..
salta ogni stazione
sulla piccola radio
poggiata sul mento

quasi piegata
acconsente
capisce
la mia paura
seppur negata

VERRO'...

stasera

dopo

qualora non so

comunque
di certo verrò..

nascosto
nei"libri"

quelli che sempre ho cercato

sapevo dove avrebbero dovuto essere-stare
però
più
non c'erano

RICORDO LONTANO ...

erano
anni lucenti
allora

uno di quei giorni
andammo ad Ischia
per lavoro :

prove per valutare danni
RC. conto Generali..

arrivo normale
Isola Verde
a galla sul mare
con tanto sole

HO LETTO - "l'unico".. di STIRNER -...

edito da BOCCA
in Torino
erano gli anni
in cui proni
si stava
al re
senza dignità

alcuna

nessuna

volume stampato
in 1902

letto così
per curiosità
forse perchè
"ficcato"

LA GINESTRA..

profumata
odorosa
solo perchè
diede spazio
a colei
che il Nostro sa..

pessimista
come non mai
rivolge lo sguardo
al Vesuvio
e
dietro deserti
dove sorgevano
Pompei
con Ercolano

URSULA von der Leyen..

sorride
mostra
tutta se stessa

tace

leggo
nei suoi occhi
prospettive
nuove
generate
come Lei sa fare

dice..

distratto
mentre
La osservo
volo
dove non so
nemmeno oso

RICORDO - RICORDO..

come ricordo
quanto

stanotte
ho rivisto
la "cantina"

il vecchio nostro archivio

carte sdrucite per terra
nel buio
umido assai
fili bianchi di paglia

furono letto
per i soldati

SEMBRA QUASI...

un
casino
o
meglio-peggio
casotto..
(confusione)

ciascuno
fa quel che vuole
o crede

mi spiego :

i negozi
son tutti chiusi
almeno
pare...

i bar
di certo
tranne quelli gestiti

LA VOCE QUELLA VOCE

domenica
alla radio

RICCARDO CUCCHI

timbro
qualcosa di unico
forse

da poco
il campionato
è tornato

qualcuno
ha sostituito
RICCARDO...

non è la stessa cosa
però.-.

SCURO

tra poco
ci provo
esco
cercherò

magari
dove
non pensavo
troverò
qualcuno
che mi dice :


a sinistra
100 metri eppoi
c'è il bar

senza luci
fuori
e manco dentro

ERA NATALE...

a piedi
per strada
da poco arrivati

in Padova

bimbi piccini
seguivano me

noi tre
"fuggitivi"
andammo in città

scoprimmo
bancherelle
colme di libri
per me

giochini

HO SCESO LE SCALE

per non vedervi
rifiutare i vostri auguri...

non so che farmene

sento
nel mio profondo
violenza
volgare
assurda confidenza
mai permessa :

ferito ormai

di certo
pensate..

C'ERA UN TEMPO...

quanto distante non so
tanto dev'essere
se mi sbaglio
confondo
male ricordo :

la via ove abitai
per anni

quartiere periferico
della città

dopo Torino....

eppure
credo aver speso

CORTE PER...

ogni mattina presto
questi ragazzi
giovani
forti
scendono dal grosso camion

sorridono
senza fatica

anzi..

entrano
in bar
da GIULIA....

senza togliersi
il cuculo
"ordinano"

AL TELEFONO..

"flutur"

-----------

CIAO

maiuscolo
è il suo

delicata
sempre
ovunque

SIGNORA
da poco con noi

corregge
pensa
oppone

altra
CIVILTA'

Flutur
la nostra farfalla

PSICHE OFFESA...

scoppiato
così
cosà
senza bisogno
ingoio pasticche
consigliate
...

roba da banco
pagata in contanti
detraibile
col 730
sommo
tacendo
vera causa
...

non è cura

HO FATTO UN SOGNO

la trama non ricordo
manco fosse mio davvero
chissà

giorni
cassati
senza calendario
nomi
cognomi
appunti mentali..

sciacquo il volto
sotto il rubinetto

con acqua gelata

brividi

PICCOLA ROBA PER TERRA

saluta
a ritroso
l'antica signora

vestita di nero
frugale cammino
quasi suorina
pare

ha fretta
dai portici semplici
attraversa Piazzale Mazzini

si gira
scusa
ferma

sorride:

LETTERA DI NATALE......

sotto il piatto
di babbo
complice mamma
si nascondeva
"ruffianella"
lettera
ogni natale

promesse
in cambio di cose
regali
altro non so
ricordo

fingeva babbo
di non accorgersi

VALERIA GOLINO....sempre comunque...

appare
scompare
stupendamente vera

anche inventata
da immensa nota
del pianista..

donne
belle
di profilo

"ritratto
della giovane
in fiamme"

onde marine
affamate
vuotano menti

AI GIORNI DEL SOLE E DEL GRANO..

in fondo la via...

credo Pisacane

"fosse

sia"

una lapide
anche gioiosa
ricorda
con le parole suddette
la casa ove Panzini
scrittore
nacque
visse
non troppo entusiasta..

SCRITTO A MANO..

per caso
laico pensiero

"segreto"

in semplice carta
poserò
nei tempi smisurati
dei prossimi giorni..

sul tavolo
in cucina
quando tutti
dormiranno
od anche fuggiti
non so dove

Syndicate content