FELICE CHILANTI......

mi attirava
incuriosiva
tutto ciò che scriveva..

sapeva viaggiare
dire
contare posti
persone..

su
PAESE SERA
era punto fermo
come
più
di Mario Soldati
nel"Viaggio in Italia"..

ERA IL GIORNALE....

PAESE SERA...

guidava
le mie..

...nostre giornate..

come null'altro poi...

si aspettava
emozionati
senza respiro
l'ora..

per sapere..

..
la mattina
erano caratteri

CHE ORA FOSSE....

non serve
manco importa

di fatto sta
che ogni stazione
mi fuggiva
non c'era voce
nota
cenno di vita..
come..

..fosse dispettosa..

morta
finita..
...
inutile..

LIEVE COLPO SUL MURO....

all'ultimo piano

terso quasi..

ho sentito
come immaginato

nascostamente sfiorare
con "lo scuro"
la parete addormentata
visto..?..

un volto
subito ritratto
data l'ora piccola..

SUCCEDE.......

magari
così
senza perchè

oppure con tante ragioni
che ora
adesso non rammento..

di fatto sta che mi viene a mente
un titolo..

dei nomi..

che mi parevano eterni..

storicamente

SCIVOLA..PIANO...PIANISSIMO...

dentro
l'antro

-bocca mia-

rigenero
con Corsodyl

almeno pare

vene
inimmaginate..

aria
speranza vaga
torna

sparisce

lenito ogni infernale dolore..

magari

NADIA .....FIORELLA.....

posata
tra i libri
la confezione
che mi donasti

allora..

tempo fa..

immagini
note
rossi capelli
vita bassa

perdute visioni
dentro me

ovunque..

Nadia Colussi
e

SALUTO COL SORRISO......

ieri
magari
prima

mi hai salutato
levando al cielo
le braccia

una mano..

dicendomi
il nome..

poi

quanto poi
non so

ho risposto
come...?..

pantaloni corti

I CANI .......

ovunque
volgo lo sguardo
poso piedi
...

vedo

sento guaire

abbaiare
confidare
invece di parlare

su cellulari...

non capisco
distinguo razze
...
solo bastardini
oppure enormi

REGALO .......

quasi improvviso
mi prese
allora

come non mai..

lunghe
leggere
mani

dissero
a tutto di me
come..

dove...

totalmente
oltre
fantasia
forse
magari
silente..

NON SO...

manca qualcosa..

che sia
capisco appena

vagamente intuisco

quasi
fossi
in fondo al lago gelato

sui colli romani
dove si andava
la domenica
a ballare

nella sconsacrata

WALLY.......

per
usurate
tonde scale

venivi
salivi
sorridevi..

dicesti
robe infinite
di cui nulla
forse ricordo..

volto
inimmaginabile
capelli lunghi

neri

lucidi

lucidi..

Wally

SEMPRE TI ROMPEVO.....

ricordi
MAURO..

ogni volta
che t'incontravo
attaccavo a lamentarmi

entrambi
avevamo
la fissa di Federico II°..

ti eri preso
anticipandomi sul tempo
l'unica copia

NON CAPISCO.....

e tante son le cose
forse infinite..

perchè quel bambino inglese
incurabile
di cui tutti parlano
dicono..

non muore..

per pietà divina
umano miracolo
altro
tanto
tutto..

MAURO E' ANDATO VIA....

così
come fosse normale

cambiare strada
libro..

improvvisamente
ha fatto ciò..

taccio
penso

mi chiudo
nel silenzio
più appropriato..

mi spiace
immensamente..-.

CINE CLUB....

fu quell'inverno
allora
ultimo anno

prima di partire..

si decise
improvvisamente
titolo
soggetto
...
il cinema-luogo
ove ci potessimo trovare
dire
ognuno la sua

VIA B.PELLEGRINO 8...

lieve
spunta

invano
tenta

bozza antica
..

il balcone
resta vuoto..

solo..

nessuna "bisbetica"
indomita appare

sento
respiri

tremiti lontani

..

cerca Ella

BENEDETTA TOBAGI....

seppur ragazza
dai colori parigini
sorridente appari

maliziosa..

tendi la mano
al passato Presidente

ti vedo..

sai..

ballare
in Piazza Roma
assieme a giovinetti

STRANIERO DI DON MILANI....

bevuto
inghiottito
senza respiro..

la "vita di don. Milani"

sfogliando
a bocca aperta
pagine tante

ho pensato

stupito

alle lezioni di Barbiana

uso delicato

CIRIACO PIZZECOLLI...

piccola
stretta antica via
di cui non ricordavo
manco il nome..

eppure ci vissi
passai infinite volte..

poi..

stanotte
tra le rigide pieghe
del cuscino..?..

ho ritrovato

PAROLE....PENSIERI...ALTRO...

Schizofrenia

Alzheimer

Ansia

Depressione

Parkinson

..

cercare
ignorare
fuggire

mentali esercizi
fisici..

non capisco..

fingo..

mi prendono
per mano

FUGA.....

larga..

lunghissima

quasi da Kiev a qui...

senza tempo alcuno

umori..

altro non dico
penso

agito segreto

coraggio non mio

...

ieri

domani forse

loro troverò

DI CERTO SON DUBBI TANTI...

sempre
forse mi compagnano
in solitudine

nel buio

ore spezzate
col sapore
di povertà miserrima

scolorita

indossa
nuda pelle
dal sapore di mare
...

allora cerco

CARLA BENEDETTI..

stamattina
poco fa
mi ha ricordato

CAPRONI...

" Non uccidete il mare "

eppoi
immensi
delicati versi
sospiri
..

ah.
come vorrei aver l'età
esser lì

all'esame

MIA AMICA.....

come sai ispirarmi..

grazie BIANCA...

immaginare
la voce tua
di allora

andati tempi

non scordati

vissuti

alla genovese
marchigiana
pure..

sei così ....

ragazza ferma

AVANTI LA TORRE...

lontano
laggiù..

ho visto volare
"Clandestino"
..
voce
galiziane parole

tradotto
nel mio dentro
pezzi di corde chitarrose
tagliavano
insanguinato
volto
del dittatore

MELODIE..?..

PASSO
RIPASSO
SU BELLINI..

(sonnambula..)

per sentirmi
più completo
vado a
Donizzetti
per udire
la Pazzia di Lucia...

..
nulla

sempre daccapo
non distinguo le due tragedie..

VENNE...VERRA' STAGIONE...

ma non ricordo
merito

sono
diverso pure..
..
"indesidero"..?..

colori
usati
innominate strade

moto
rumori
bugie..

verrà la morte
descriverà
impossibile visione.-.

COSA POSSO FARE....

davvero non so

temo

intuisco..

lei non immagina..

tra lacrime feroci
..
pietose

rosse

colme di abbandoni..

si è messa a gridare
sottovoce

invocando pallottole
morte..

Di ritorno dal Caffè "La Wiennese"..

c'era una ragazza alta
che pareva "bocia"

.. solenne come un monumento

con labbra
corti capelli
neri
..
assieme a due signori grandi
anziani
sportivi..

ma signori

Syndicate content