DAVANTI AL MALDURA

C'è un angolo
di fianco alla Wiennese
Prima delle sette
un affarino
vocina quasi di bimba
Si scusa

Nel freddo
col buio
il fiato galleggia

Dove si trova Palazzo Maldura?

C'è poco da scegliere
Il Carmine è alle spalle
Quel muro maestoso
grigio
che imprigiona Piazzale Mazzini
è quello
Allungo il braccio
indico la meta

Da sotto la cuffia
di lana colorata
sbuca un nasino
all'insù
due labbra
appena accennate
Un sorriso francese

Gioca la erre
e gli occhi svegli:
un attimo
cortissimo

Bonjour Tristesse
Era così
Jean Seberg
prima di fuggire?

Paion " Le Notti Bianche"
Da sopra il ponte
Maria Schell
porge le mani

Mi giro di scatto
voglio
meglio vedere

Nulla
E' sparita
La serranda della Pasticceria
si alza
Filtra la luce
illumina appena
lo spigolo del marciapiede

Dopo il caffè
dopo l'edicola
viene Via Beato Pellegrino

Dormono ancora tutti.

Padova 15 dicembre
2006