QUEL LIBRO DA SIGNORINE

Perdersi
confondersi
espatriare da se stessi

Così è l'amore
guardando il tuo volto
Emozione del cuore
che batte-batte
ecco s'inceppa
quasi si blocca
Seppur girata
di schiena
vedo ciglia nere
occhi lucidi
bocca socchiusa
Tutta tirata
Seriosa
aspetti una carezza
lievissima
discreta
desiderata
immaginata

Una volata
di vento filmato
solleva la tua camicetta
Scopre i seni
turgidi
gonfi
il ventre teso
e larghi fianchi
generosi
offerti sul piatto d'argento

Lo sguardo severo
m'impone compostezza

Malinconica stamane
depressa
troppo sola
Voglia di parlare

Posso solo guardarti
dire
Nascosto
affogare a te
vicino

Sei con la testa
altrove.

Padova 30 dicembre 2006