IL SOGNO SEPPELLITO

Desiderata
sognata
assolata giornata
Anche se chiesi
rispondere
alcuno non vidi
Pesanti imposte
della Locanda
sul marciapiede sinistro
La Senna sotto
Testimone discreta
gonfia di memorie

A tutti chiesi
Nessuno udì
A me straniero
infastidita
la gente non rispose
Sul metro
nei sotterranei di Paris
la voce usciva soffocata
sbattendo i denti
contro i muri
Negli occhi bruciava
il fumo della sigaretta
che il Legionario
ridendo mi spruzzava
Dopo la fiammata
ho gridato finalmente
A tradimento
Sotterra
qualcuno mi ha nascosto
Allora.

Padova 24 agosto 2006