VOCE CHE LEGGE CALIGOLA DI CAMUS

Quel sorriso educato
arcuato
pare arcobaleno
Orecchini di perle
come occhi di Nausicaa
Profumate ciglia
di gioventù
Zigomi
bocca
immaginati
Capelli stirati
liberano
il volto

Ségolène Royal

Un giorno
a primavera
sulla riva della Senna
si tolse il vestito
Nell'acqua veloce
rinfrescò l'addome
il cielo profumò
sino alla Manica

Abbagliata
stupita
la folla
desiderò in silenzio
quell'impossibile donna

Confusa
una furia improvvisa
distrusse il sogno proibito

Attorno all'Olmo Bello
un girotondo musicale
Bovary-Ségolène-la Signora
dai Capelli Turchini

Si udiva piano-piano
la Marsigliese
salire da lontano.

Padova 30 marzo 2007