NON LO DIRO' AD ALCUNO

Lungo i corridoi
le piene librerie
A sinistra il mio reparto
a destra quanto mi hai rubato

C'erano dischi
foto
ritagli di giornali
La mia vita nascosta
Ricordi
sparsi
divisi
nel tempo
Luoghi
che solo io ricordo

Verrà un accordo di chitarra
andaluso
sottofondo di tromba
con sordina

Era il Cortile
ove ancora scola
il sangue di Garcia Lorca

Una carezza negata
sottile
nell'ombra
accompagnata dal miagolio
di un gatto zoppo
mezzo cieco
senza padrone

Mai capirai
cosa vuol dire solitudine
tristezza
abbandono

Ed è inverno

Sul ciglio
della punta del molo
di notte

La ragazza
dai capelli rossi
chiamava
mangiandosi le unghie
Gridava forte
strillava

Non vorrò più essere
ascoltare
Mi tapperò le orecchie

Nel tuffo
giù
incrocierò gli occhi disperati
di Jak London

Che amaro sorriso

Più non capirò.

Padova 2 aprile 2007