MALINCONIA PESANTE

Piccolo
non immaginato
Solo per me
e Fyby

E' un giardinetto
senza recinto

Alberi
cespugli sparsi
uno scivolo per bambini
la scala di corda
e l'altalena

Nessuno profana
questo ambito
ove giochiamo a nascondino

A volte Fyby
altre io
fingiamo di sparire
e ritrovarci

Senza regole
ci siamo intesi
con gli occhi
gesti a metà

Improvvisi
volano gli occhiali
Non capisco come
perchè
Mi sento perso
Ho sbattuto lo zigomo
contro il pino
Avverto un vago fastidio
senza sbandare
non sono caduto

I riflessi
l'età

Povera Fyby
il gioco è già finito
Disinfettato il taglio
non brucia
Mi sento umiliato
tristemente ridicolo

Oggi andrò a farmi controllare
la pressione.

Padova 4 maggio 2007