SA COME PRENDERMI IL BRACCIO

Capelli nerissimi
Sorride con occhi che hanno visto

Parigi sempre nel cuore

Angoli che non conosco
Il nome della scrittrice francese
le sfugge
Non ricorda
si morde le labbra
Vorrebbe dirmi
parlare di programmi televisi
fuori orario

E' la sua voce calma
carica di entusiasmi
pronta ad aggredire la vita

In Ancona
ci sono amici
per bere
ridere
mangiare

Conoscerci

Che strano
vederla dietro il banco
la Farmacista

Incontrarla per strada
pare uscita dal BO'
appena da poco
E' senza età
sempre curiosa

Desidera sapere
vedere
vivere
con colta bramosia
Come una bambina
educata in collegio

Pronta a scattare
riprendersi il tempo fuggito

Un semplice grembiule
bianco
sciolto sui fianchi

Appare elegante

Una passeggiata sotto i portici
stretti-stretti
Attenti a non bagnarsi

Fuori piove.

Padova 4 maggio 2007