LAGRIME SECCHE

Questo
posso regalarti

A me basta il tuo sorriso
Pulite carezze
immaginate solo

Caviglie plasmate
da Canova
Fianchi
avvolti
di tessuti giovinetti

Capelli
mai toccati
lisci
solo veduto

Turchini come
di mitologiche muse

Alla Wiennese

Era una mattina
d'inverno
aspettavi qualcuno
inginocchiato
supplicante

Uno sguardo
almeno

Grazie
Patrizia.

Padova 22 maggio 2007