SUORA DI VIA PELLEGRINO

Soffocato pianto
solo
disperato

Suorina vergine
sullo sfondo
una sonata di Corelli

Fragili
bianche mani

Era venuta da lontano
paese senza nome
piccola frazione vicino al mare
dietro il Conero

Un giorno di primavera
dietro il Palazzo Ducale
giù ad Urbino
aveva visto un aquilone

Disperatamente aveva amato

Segreto

La bocca tappata col fazzoletto
nessuno udì
Piangere.

Padova 13 dicembre 2005