STRANIERO

Profumo di fritto
tutto invade
La strana voce mi ride addosso
Non è mia inflessione
Questo dialetto
sa di straniero

Strada grigia
tutte macchine in fila
Il Palazzo imperioso
è al numero 5 di Via Beato Pellegrino

Non posso ammirare i bei soffitti
Sbattono violento
il pesante portone

Il Conte ride
La Casa del Conte
è riservata solo a lui

Magari da piccoli
abbiamo giocato assieme
costruito castelli di sabbia

Giù
a Senigallia
Una domenica d'agosto.

Padova 28 maggio 2004