SOGNO A META'...

davvero stupendo
ventre solare
della ragazza sedicenne

teso appena

morbido

sembrava pelle di luna
anche di sole
magari..

reggeva
una bandiera piccina
di carta
per evenienza..

qualche incidente

avviso
del treno fuori corsia

segnale convenuto
per guerra impossibile

Sparta avverso Atene

senza vinti
vincitori
quasi fossero Termopili

trecento contro mille
circa

tanto a scuola
avrebbero detto chissà cosa

come..

la ragazza

non dico il nome
per dovere
cortesia
convenienza
galanteria..

sussurrò
come si presta
il corpo scoprendo
"sensi"
senza vergogna

ebbi così
minore età

stranezze..
vincoli nuovi
come mai pensavo si potesse ancora

ogni luce
scomparve

respiri

colori al buio
seppur guidati
tra infinita gente
che non vide
disse
commentò

ogni peccato scomparve

solo piaceri
furono

generosi

immensi

miei

bisognoso
di nuova vita

segreta

allegra

pure.-.

Padova 8 settembre 2017
(ore tante profumate..)