TABACARIA....

dopo
la chiamata di ANTONIO
sono fuggito
nelle pagine
del libro che mi donò

saltato
quello delle inquietudini
arrivai
dove si parla del dolore :

tale è
che arriva a fingere
che è dolore
il dolore che davvero sente

perso in eteronimi
tra verità
esistenza
identità

caduto nel Mistero..

lessi
così allora :

"non sono niente
non sarò mai niente
non posso volere-volare
solo niente

si'

a parte questo
ho in me
tutti i sogni
del mondo...

e
giù.-.

Padova 15 novembre 2017
(Poeta fingitore..)