QUALCUNO MI DISSE..

parole sconosciute
oppure deboli
triviali
d'altro posto..

io che non sono
troppo furbo
solo sensibile
come ....

allora ho finto
non capire...

cambiato stanza
magari
al cesso
pur di evitare
prova d'esame
davanti a tutti

invece
appena uscito dal sito
fortezza
ho ritrovato
gente che giocava a carte

sbatteva sul tavolo
"le napoletane"
giurava verità
mai pensata
detta..

fingo magari
andare in altra stanza
ecco mi segue
lo strano coso
dalle spalle larghe
per fatiche e menar botte :

tu
mi fa
riferendosi a me
tu vieni qui
dimmi come ti chiami
e dove stai..

aveva "il signore"
foglio per firmare
confessione di mia responsabilità...

salto dal letto
in Prato della Valle fuggo
ma un grido bestiale mi blocca

subito

per sempre.-.

Padova 1 settembre 2020
(furto da racconto di Galeano...)