OCCITANO

Strano

Nuovo

Sapevo
cos'era

Sentivo

Nell'onda
pareva andassi

Violino
fisarmonica

Voce di donna pagana

Il mio nome
soffocato

Tremante pareva

A tratti
venire

Fuggito

Pelle

Sapore tuo
mi doni

Improvvisamente
così

Come se fosse gioco
accarezzo le mani

Tue

Che solo
avevo immaginato
sempre.

Padova 5 gennaio 2008
( tu sai perchè )