ARAMAICO ANTICO

RABBIA
SFOGO MATTUTINO
TENDE TUTTO IL VOLTO
LA SIGNORA DEL BAR
VORREBBE RIFARE IL MONDO
TAZZINE
BICCHIERI
PANINI
CAFFE'
DI CORSA COL SORRISO STAMPATO
ARRIVANO RAGAZZI
RAGAZZINE
CACIARA ED ALLEGRIA
ZAINI E LIBRI
ESCONO
ENTRANO AL MALDURA
LA SIGNORA DEL BAR
RUBA ATTIMI
SCAPPA SULL'USCIO
SI MANGIA L'ADORATA SIGARETTA
LE MANCA
IL LARGO
TONDO
ENORME CAPPELLO DI PAGLIA
VAGAMENTE RICORDA
DOLORES DEL RIO
UN SORDO RUMORE
ZOCCOLI DI CAVALLI
ARRIVANO
CI VEDREMO ALL'INFERNO
MI DICE RIDENDO
RABBIA
QUANTA RABBIA

ANNA
RACCOMANDA
OGNI MATTINA
AL SUO BIANCO FIORE
UN BICCHIERE DI ACQUA PURA
IN CAMBIO
SEMPRE DUE PREGHIERE
PER LA MIA ANIMA NERA
PROMESSEMI AL FIANCO DEL CARMINE
QUESTO SUCCEDE.

Padova 3 ottobre 2006